fbpx

Come posso pagare le bollette SATO senza uscire di casa?

5-copia

A causa dell’emergenza Coronavirus, stiamo ricevendo in questi giorni molte richieste di informazioni in merito alle modalità di pagamento disponibili da remoto. In questo breve articolo rispondiamo quindi alla domanda: come posso pagare le fatture di energia e gas senza uscire di casa?

Se avete già richiesto l’addebito in conto delle fatture, non vi preoccupate, pensiamo a tutto noi!

Se invece avete scelto il bollettino postale tradizionale come modalità di pagamento, potete utilizzare le seguenti modalità di pagamento remote:

  • tramite carta di credito, carta prepagata o bancomat abilitato agli acquisti su Internet. Per utilizzare questa modalità, basta contattare il Servizio Clienti e richeidere il pagamento tramite carta
  • bonifico bancario tramite home banking al seguente IBAN (intestato a Sato Service Energia Srl): IT70C0200813507000104620988. Alcune banche permettono di impostare bonifici anche via telefono
  • addebito in conto di una o più fatture. In questi giorni di emergenza puoi richiedere anche l’addebito in conto corrente di una o più fatture (senza modificare il tuo normale metodo di pagamento, esempio: bollettino). Per usufruire di questa modalità di pagamento, devi comunicare al Servizio Clienti l’IBAN da addebitare. Se il conto corrente non è intestato a te, devi fornire i dati (Cognome, Nome e Codice Fiscale) dell’intestatario del conto
  • bollettino postale pagato tramite home banking (ovvero, il sito internet della vostra banca) utilizzando il conto corrente postale 63015317 intestato a Sato Service Energia Srl. Alcune banche permettono di pagare i bollettini anche tramite fotocamera (ovvero inquadrando il bollettino postale SATO con la fotocamera del proprio smartphone o tablet). Se non avete mai pagato un bollettino tramite Internet, cliccate qui per maggiori informazioni.

Per altri dubbi o domande, non esitate a contattarci!

PS: Quando effettuate pagamenti da remoto in autonomia, vi ricordiamo di indicare gli estremi della fattura nell’oggetto.

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Scopri altri articoli...